La Mesoterapia nella Terapia del Dolore

 

La mesoterapia

Procedimento terapeutico che consiste in una serie di micro-iniezioni intradermiche multiple, di deboli quantità di farmaci nel distretto cutaneo corrispondente alla zona o all’organo interessato con un apparecchio munito di un certo numero di aghi sottili e corti (4 mm). Questo metodo è preconizzato nel trattamento locale del dolore,dei reumatismi, delle malattie allergiche, dell'emicrania, delle malattie vascolari, ecc.

 

La procedura

La si effettua usando sia farmaci tradizionali che farmaci omeopatici, i quali vengono introdotti in piccolissime quantità - 0.2 cc per ponfo - nella cute in corrispondenza delle zone malate, qualora ci si trovi a trattare pazienti affetti da dolore e limitazione dei movimenti.

 

La Mesoterapia è, quindi, un modo diverso di introduzione di un farmaco nell'organismo che presenta numerosi vantaggi, in alcune situazioni, rispetto alla somministrazione del farmaco per via intramuscolare o per via sottocutanea, anche se non esclude, ove sia necessario, l'associazione con un trattamento farmacologico per via generale.

 

 

Nell'illustrazione sono mostrate schematicamente le differenti vie di somministrazione dei farmaci in una patologia loco-regionale quale potrebbe essere la periartrite scapolo-omerale. I farmaci somministrati per via orale (a) e per via rettale (b) vengono assorbiti rispettivamente dalle mucose gastro-duodenale e rettale e attraverso il sistema portale vengono immessi nel fegato. Di qui, diluiti ed eventualmente metabolizzati, entrano nella vena cava inferiore, raggiungono il cuore destro, poi il circolo polmonare. Ulteriormente diluiti vengono sospinti nel cuore sinistro e nella circolazione generale e cosi nelle arterie regionali che servono l'articolazione malata.

 Nella via intramuscolare (c) e nella via endovenosa (d) i farmaci raggiungono la circolazione generale in modo più rapido e con più elevata concentrazione, in particolare nel secondo caso, saltando il filtro epatico e dirigendosi, sempre in progressiva diluizione, verso l'organo bersaglio.

Si può facilmente comprendere perché nelle patologie loco-regionali soltanto la via mesoterapica (g), come dice Pistor, il suo ideatore, avvicina la terapia al luogo della patologia, portando i farmaci efficaci nel derma e attraverso i canali interstiziali (la terza circolazione di Multedo) direttamente sulle zone malate senza diluizione e attraversando gli organi filtranti solo dopo aver agito sull'organo bersaglio. Vengono in tal modo risparmiati dall'azione dei farmaci concentrati i tessuti innocenti cioè non affetti dalla malattia e viene evitato all'organismo un inutile sovraccarico chimico degli emuntori. 

 

 

 Indicazioni

  •   Patologie dolorose del rachide cervicale: Osteoartrosi della colonna cervicale, Traumi, Contrattura cervicale acuta, Cervicalgia giovanile, Torcicollo, Fibromialgia).

  •   Patologie dolorose del rachide dorsale: (Contrattura muscolare acuta, Fibromialgia).

  •   Patologie dolorose del rachide lombare: (Lombosciatalgia, Lombalgia, Contratture, Stiramenti, Colpo della strega).

  •   Traumatologia: (Lesioni contusive, Lesioni discorsive, Lesioni da sforzo, Crampi, Mialgie, Stiramenti, Tendini, Strappi muscolo-tendinei, Pubalgia, Talalgia).

  •  Patologia dolorosa dell'arto superiore: (Periartrite scapolo-omerale, Periartrite calcifica, Capsula retrattile, Epicondilite omerale, Igroma del gomito,

  •   Sindrome del tunnel carpale, Rizoartrosi del pollice, Tenosinovite di De Quervain, M. di Dupuytren, Noduli di Haberden).

  •  Patologia dolorosa dell'arto inferiore: (Artrosi, Borsite trocanterica, Borsite ischiatica, Tendinite, Gonartrosi, Idrarto, Tallonite, Alluce valgo).

  •   Patologia vascolare: - (Insufficienza venosa, Flebiti, Ulcere varicose, Linfedemi):

 

 

Medicina Estetica Parabiago via Don A. Galeazzi 16/B - 20015 Parabiago (MI) P. IVA 04762640961

 

  • Wix Facebook page